SOSTENIBILITÁ: DALLE PAROLE AI FATTI

Essere sostenibile oggigiorno sembra un dovere tanto per un’azienda quanto per ognuno di noi nel proprio piccolo.

Ma come esserlo davvero?

Noi di PIÚINFORMA agiamo proprio in questo senso cercando di dare il nostro contributo a tutti quei soggetti che vogliono essere incisivi in queste tematiche.

Il nostro campo d’azione ruota attorno al mondo della distribuzione automatica, settore nel quale la quantità prodotta di rifiuti è enorme. Si stima, infatti, che il vending in Italia ogni anno generi 650 milioni di bottigliette in plastica e 5 miliardi di bicchieri da caffè e questo comporta un totale di 60 milioni di tonnellate di CO2 emessa nell’ambiente per smaltire tali scarti. Come poter essere sostenibili in questo ambito dunque?

Per diminuire le emissioni di anidride carbonica è possibile compattare i rifiuti nel luogo dove sono prodotti, con l’utilizzo, per esempio, di un compattatore che permette di ridurre del 90% il volume degli stessi e diminuire quindi il numero di giri per trasportarli ai centri di smaltimento. Accanto a ciò, è possibile diventare sostenibili cercando di eliminare il materiale degli imballaggi come la plastica per far posto a materiali compostabili che rientrano nel ciclo della gestione dell’organico o incentivare il consumo di bevande dai distributori servendosi di contenitori riutilizzabili portati da casa. È altresì ragionevole, inoltre, cercare di cambiare la modalità di consumo delle bevande, erogandole da un miscelatore e utilizzando bicchieri in mater bi (compostabili).

In aggiunta, la sostenibilità che proponiamo è l’accettare di pagare un po’ di più per un prodotto in ragione della qualità offerta dallo stesso. Difatti, il mondo del cosiddetto “mono-consumo” è sempre stato visto come fonte di junk food, estremamente nocivo al nostro organismo. Tuttavia noi di PIÚINFORMA cerchiamo la sostenibilità proprio in questo ambito e promuoviamo quei prodotti le cui materie prime sono selezionate e sono una garanzia di qualità, che è trasversale a tutta la filiera produttiva. La sostenibilità, dunque, anche a tavola, dove significa imparare a scegliere, incominciando proprio dai piccoli break di ogni giorno.

Scrivici

Tecnico