Il percorso di food sostenibile PIÚINFORMA®
PIÚINFORMA®!! deventa consapevole

IL PERCORSO DI FOOD SOSTENIBILE PIÚINFORMA®

Da produttori di materie  prime , trasformatori, distributori e consumatori finali. 
Perché farlo?

1)Coerenza con la propria mission ed SDG (promozione economia sostenibile)
2)Sostegno ad economia
3)Responsabilità sociale
4)Dovere verso le future generazioni

A che condizioni lo farebbero  ?

Devono sostenere costi solo sul venduto. Il coinvolgimento delle imprese deve essere effettivo/significativo/continuativo così come il loro guadagno. Deve essere proposto loro un set di criteri base di sostenibilità attraverso cui selezionare le aziende i cui prodotti potranno essere offerti (x questo è molto importante assicurare la serietà del marchio , sia per dare loro uno strumento chiaro ed inattaccabile di scelta tra le imprese . Il percorso di food sostenibile PIÚINFORMA® .

Essere chiari e basati su evidenze dimostrabili
Essere semplici non eccessivamente burocratici
Tenere in considerazione criteri sia aspetti ambientali che sociali ed economici (sostenibilità a 360°)
Prevedere un sistema “ad asticella variabile”, ovvero, considerando le caratteristiche medie del tessuto socio-economico dei territori, prevedere dei requisiti di accesso non troppo rigidi, ma richiedere alle imprese un percorso di innalzamento degli standard man mano che il progetto si sviluppa. Essere integrati nel network per far alimentare la filiera e rapporto diretto con i consumatori. Contenere anche criteri relativi alle esigenze degli stessi (capacità di produzione, stagionalità, packaging, certificazioni….)
Il progetto deve essere di impatto sulla comunità tutta anche in termini mediatici
Non deve esservi, in alcun rischio di monopolio da parte di un soggetto.
Il percorso di food sostenibile PIÚINFORMA®.

Cosa fa il network

Aiuta nell’individuazione delle ditte che possono fornire prodotti “sostenibili”. Promuovere iniziative di formazione presso tutti gli Enti Pubblici del proprio territorio e limitrofi (Comuni, scuole, Università,…) su come costruire una gara d’appalto per i servizi  di ristorazione e capitolati di gestione dei servizi ( ad esempio i ristoranti sostenibili che potrebbero avere il marchio) in modo tale da premiare un servizio sostenibile (adeguandosi alla recente normativa europea in merito e i prodotti a km zero quando possibile. Fare una azione di “moral suasion” su soggetti privati e associazioni, imprese, enti istituzioni ,produttori …), affinché cambino l’offerta alimentare.
La rete è consolidata in Italia e sta iniziando l’espansione all’estero. un-percorso-di-food-sostenibile-format-ecosostenibili-a-marchio-piuinforma

Cosa dobbiamo fare noi :

Redigere il set di criteri base di sostenibilità attraverso cui selezionare le aziende i cui prodotti potranno essere offerti e farli certificare
Sviluppare un piano di comunicazione strutturato ed a livello nazionale
Creare le basi per realizzare LCA comparativo e sulla base di quello creare un “cruscotto”, personalizzabile cliente per cliente, in grado di fornire loro dati puntuali utili per le loro rendicontazione annuale di sostenibilità.
Il potere concimante (tecnicamente denominato “titolo”) è molto maggiore nei concimi minerali poiché essi sono da considerarsi per le piante un “alimento concentrato”, pronto all’uso. Questa caratteristica è quella che ha reso tali “preparati artificiali” molto apprezzati dalla moderna agricoltura che è volta alla massimizzazione della produzione sia in termini quantitativi che di tempo. Ma analizzandolo nella sua interezza , questa caratteristica ha portato con se numerosi problemi in termini di salute ambientale ed umana…

Un partner, un’amico https://www.bontorin.it/news/

Chiedi info https://www.piuinforma.it/contatti/

Post Correlati