Mangiare troppa frutta ha un limite

Mangiare troppa frutta ha un limite

Oggi mi è stato chiesto se mangiare troppa frutta ha un limite : e se fa male? Assolutamente no! Anzi, aiuta a smaltire la ritenzione idrica del corpo ed il sodio in eccesso. L’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, raccomanda di consumare almeno 5 porzioni tra frutta e verdura fresca al giorno, che corrispondono a circa 600g , ovvero 1 kg di prodotti vegetali crudi , ancor meglio se di stagione.

Per esempio, la mela è ricca in quercitina ad esempio e altri polifenoli, sostanze che contribuiscono positivamente alla nostra salute in quanto antiossidanti naturali e antinfiammatori. La quercitina infatti frena la produzione di ossido nitrico durante le infiammazioni e la troviamo oltre che nella mela anche nel mirtillo, nell’uva e nel vino, nel tè verde, nel sedano e nei capperi.

In generale frutta e verdura sono importantissime per la dieta perché possono rifornire oltre che di sali minerali alcalinizzanti (magnesio e potassio, che aumentano il potere tampone del sangue ) e vitamine, anche di fibra vegetale insolubile utile per smaltire le feci e le scorie corporee. Riforniscono inoltre  anche di pan allergeni, sostanze che modulano il sistema immunitario per prevenire alcune forme di intolleranza alimentare. Mangiare troppa frutta ha un limite

Le uniche persone che devono fare attenzione all’uso eccessivo della frutta sono quelle che soffrono di sofferenza genica, ovvero non hanno l’enzima che smaltisce il fruttosio, e i diabetici. In entrambi i casi un abuso di frutta ricca di fruttosio, come pere e ciliegie, o troppo dolce può creare gravi danni a livello renale.

Dobbiamo tener presente che è necessario consumare frutta e verdura fresca tutti i giorni, evitando se possibile la verdura lessa se non ne utilizziamo poi l’acqua

Ma questi sono gli unici due casi in cui potrebbero esserci dei limiti, altrimenti… frutta e verdura senza confini!

Dott.ssa Luisa Gragnoli

Scrivici

Tecnico

Post Correlati