La campagna sociale e ambientale firmata PIÚNFORMA®
La campagna sociale e ambientale firmata PIÚNFORMA®

LA CAMPAGNA SOCIALE E AMBIENTALE FIRMATA PIUINFORMA

“NON ASPETTARE, CAMBIA, ORA”

Abbiamo scelto di occuparci di cibo in quanto coinvolge tutti, proprio tutti.

È stata definita campagna perché durerà nel tempo, dato che molti sono gli argomenti da gestire: la Terra ha gli anni contati, fra 12 anni non avrà risorse che per circa il 50% della popolazione. La campagna sociale e ambientale firmata PIÚNFORMA®.

L’Associazione PIÚINFORMA promuove e gestisce questa campagna. Inizia con la Distribuzione Automatica e la Ristorazione Collettiva con precise linee guida che permettono a tutte le Aziende ed Enti di “riciclare” questi servizi nell’interesse primario delle persone e dell’ambiente.

Fare economia circolare: è attuare sani stili di vita! è ridurre la produzione ed utilizzo di plastica! E’ pensare al futuro dei nostri giovani! Oggi essere sostenibili non è più una scelta ma un dovere.

Alcuni numeri e solo in Italia

Distribuzione Automatica: bel 25 milioni di consumi vengono effettuati utilizzando le vending machines. Nessuno prima d’ora si era mai occupato di quanti rifiuti post consumo vengono generati e non gestiti, oltre all’enorme quantità di plastica presente sia nei PAK degli snack & food, bevande varie, bicchieri, oltre a verificare i prodotti erogati. La campagna sociale e ambientale firmata PIÚNFORMA®.

Oltre 7 miliardi di bicchieri di plastica ed oltre 650 milioni di bottigliette in PET … una enormità di CO2 emessa che possiamo eliminare grazie ad un nostro gesto!  Immaginando di sostituire completamente le plastiche utilizzate potremmo risparmiare circa 60 milioni di CO2.

Ristorazione Collettiva: a fine 2018 i numeri del mercato in appalto dicono che il settore vale 6,5 miliardi di euro, con ben 850 milioni di pasti all’anno. Quasi la metà di questi pasti solo nella ristorazione scolastica dove la scelta non c’è e, peggio ancora, i menù non sono adeguati alle loro esigenze.

Su questa enormità di cibo si stima che il 30/35% venga “buttato” e non riutilizzato. Pensate quanto spreco alimentare e ad oltre 1,5 miliardi di persone denutrite al mondo.

Si pensi anche alle stoviglie, vassoi e posate che per la loro gestione si usano circa 1,275 miliardi di litri d’acqua e 255 milioni di KW ora di energia .

Immaginando di recuperare il 30% di spreco alimentare e ridurre a ZERO il conto acqua ed energia per gli accessori al consumo potremmo risparmiare miliardi di CO2.Come? Aderite alla nostra campagna come molte Aziende ed Enti hanno già fatto, il nostro staff lavorerà per e con voi.

I RISULTATI che otterrete saranno:

-Rilevante riduzione dell’uso di plastica
-Eliminare completa di bicchieri e palette in plastica
-Eliminazione totale di accessori e posate in plastica
-Aumento dell’utilizzo dell’acqua di rete in alternativa alle bottiglie in PET
-Aumentare della disponibilità di prodotti “salutari”
-Differenziare e ridurre sempre più i rifiuti post consumo e monitorarne la gestione
-Relazionare l’andamento dei servizi per eventuali interventi di miglioramento
-Supportare soprattutto le scuole nella realizzazione di laboratori ed attività pratiche di economia circolare
-Utilizzare il CALCOLATORE DI CO2, gestito da una rete scolastica nostra partner

DI PIÙ NON È POSSIBILE, ORA TOCCA A VOI, VOI SIETE IL CAMBIAMENTO
“Ogni sistema fatto da più elementi riesce ad esprimersi al meglio quando questi funzionano correttamente e sono interconnessi tra loro. In questo caso, la distribuzione automatica dei prodotti alimentari, rappresenta la pratica di un sistema educativo volto a creare nelle persone, la capacità di operare scelte tali da sviluppare e consolidare delle sane abitudini”.

Firmato,
Direzione di PIÚINFORMA

Scrivici

Unesco

Post Correlati