AREA RISTORO SOSTENIBILE PIÚINFORMA®

AREA RISTORO SOSTENIBILE PIÚINFORMA®

Grazie all’ area ristoro sostenibile l’istituto superiore Leon Battista Alberti, ha scelto per la propria sede presso San Donà di Piave, Treviso, le aree break ecosostenibili PIÚINFORMA® per cambiare radicalmente il servizio di distribuzione automatica presente al suo interno adottando il format di sostenibilità a marchio PIÚINFORMA®.

Succede all’Istituto Tecnico Leon Battista Alberti

https://en.unesco.org/news/future-youth-biosphere-reserves

E’ ecosostenibile l’area ristoro piuinforma

Nuova vita ai rifiuti ed alimenti sempre più sostenibili

“una necessita sempre più sentita dalle scuole”

Il grande cambiamento è soprattutto nella percezione dei prodotti che va oltre la classica definizione di distributori automatici prodotti BIO; si entra nel dettaglio della struttura di produzione e della filiera dei prodotti. Grazie a grafiche accattivanti e supporti video vengono trasferite le informazioni ai consumatori affinché facciano scelte consapevoli e sostenibili. Le aree break PIÚINFORMA® prevedono una selezione di prodotti alimentari e bevande ecosostenibili, nel pieno rispetto dell’ambiente e rivolte al benessere della persona. Area ristoro sostenibile

La qualità, la quantità e la tipologia del cibo influiscono sulla nostra salute e sul nostro ambiente, per questo il food ecosostenibile è destinato a diventare cardine principale per una sana alimentazione.
È un onore ed orgoglio essere stati scelti quale eccellenza del vending sostenibile fra le molte proposte sul mercato. Grazie alle direttive ricevute dallo staff dell’istituto abbiamo elaborato un programma aggiuntivo che prevede la totale sostituzione di tutti i prodotti entro i prossimi due anni. Area ristoro sostenibile

Un sistema di monitoraggio e controllo permette delle successive valutazioni sull’efficacia del programma. Per noi è stato facile in quanto partiamo già da un 55% di offerta sostenibile, dalle bevande calde, snack e cibi freschi oltre la totale sostituzione delle bottiglie in PET.

Ora tutto è nelle mani e responsabilità del dirigente nel sostenere e promuovere i consumi sostenibili per raggiungere obiettivo 100.

 

Modulo contatto

Post Correlati